Con «Una duplice vittoria» il pittore antimafia Gaetano Porcasi omaggia la memoria di Antonino Burrafato ed inaugura una personale a Termini Imerese

Il quadro intitolato «Una duplice vittoria» è dedicato alla figura di Antonino Burrafato agente della polizia penitenziaria uccisa dalla mafia il 29 giugno 1982 e padre dell’attuale sindaco di Termini Imerese.

Così si aprirà la mostra «La bellezza dell’Arte salverà il mondo: I Servitori dello Stato» nella giornata del 20 maggio 2016.

La memoria di Antonino Burrafato sarà così onorata dal pittore antimafia Gaetano Porcasi.

La giornata vedrà due momenti differenti. Inizierà alle ore 10.30 nell’auditorium dell’I.I.S.S. N. Palmeri con la scopertura del quadro ed alla presenza del sindaco Salvatore Burrafato, dell’assessore alla Cultura Donatella Battaglia, del critico d’arte Giorgio Grasso, della dirigente scolastica Anna Rita Zappulla e del corpo docenti.

Alle 12.30 si inaugurerà poi la mostra dei quadri all’interno del Museo Civico Baldassarre Romano.

La manifestazione è organizzata dall’I.I.S.S. Palmeri, nello specifico dal Dipartimento di scienze storico-sociali, in collaborazione con il progetto di Alternanza scuola-lavoro ed ha il patrocinio del comune.

Dopo la scopertura del quadro, all’interno dell’Istituto Palmeri, seguiranno momenti di riflessione sul tema della manifestazione e sull’opera anche tenuti dagli studenti del liceo Palmeri impegnati nel progetto di lternanza scuola-lavoro. In seguito, la manifestazione si sposterà nella Pinacoteca del Museo Civico per inaugurare la mostra di Porcasi, che resterà visitabile fino al 2 giugno. Verrà visitata anche dalle scuole cittadine ed alcuni studenti del liceo Palmeri, impegnati nel progetto di Alternanza scuola-lavoro, spiegheranno ai visitatori i significato dei quadri in mostra.

Lo scopo del pittore è quello di recuperare, tramite la memoria, una storia di violenza. Il sangue, le uccisioni, il riscatto suscitano la volontà di andare avanti in quanto “ricordare” significa “far passare attraverso il cuore tutto”. Ciò per mezzo di un dipinto ricco di solarità mediterranea ed intriso di una sicilianità capace di dare un notevole contributo verso la liberazione ed il riscatto.

“Con convinzione abbiamo condiviso ancora un impegno in favore del ricordo dei tanti siciliani che hanno perso la vita per fare il loro dovere da servitori dello stato”. Così il primo cittadino di Termini Imerese, Toto Burrafato ha commentato l’iniziativa ed ha aggiunto “sarà per me un momento straordinario dover coniugare l’emozione da figlio con la responsabilità istituzionale di stare dalle parte della legalità e del fare memoria. Gratitudine a quanti hanno pensato di non dimenticare mio padre”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: